Facebook

Twitter

Lun05202019

Last updateMer, 15 Mag 2019 3pm

Commissione Europea: lotta a tutte le forme di violenza contro bambini, giovani e donne

Il presente Avviso si inserisce nel Bando inerente al programma “Diritti, uguaglianza e cittadinanza”: sostegno a progetti volti a prevenire e combattere tutte le forme di violenza contro i bambini, i giovani e le donne.
Saranno finanziabili Progetti nazionali e transnazionali riguardanti le seguenti priorità:
1. Prevenire e combattere la violenza di genere (risorse disponibili: 7.020.000 euro) con particolare attenzione alla violenza nella sfera domestica, comprese le pratiche dannose, in linea con le disposizioni della Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e lotta alla violenza contro le donne e alla violenza domestica (Convenzione di Istanbul).
1.2 Protezione e sostegno alle vittime di violenza di genere all’interno di gruppi particolarmente vulnerabili con particolare attenzione a protezione e sostegno alle persone adulte vittime di violenza di genere, compresa la violenza sessuale, provenienti da gruppi particolarmente vulnerabili, tra cui donne giovani, persone con background migratorio, richiedenti asilo, rifugiati, LGBTI, minoranze etniche (compresi i Rom), donne con disabilità, donne che vivono e/o lavorano per strada.
1.3 Prevenzione e risposta alle molestie sessuali con particolare attenzione posta sulla prevenzione e reazione alle molestie sessuali, comprese le molestie perpetrate online.

2. Prevenire e combattere la violenza contro i bambini (risorse disponibili: 4.680.000 euro). L’attenzione è posta su tre aree di intervento:
2.1 Sviluppo di capacità del personale medico e degli specializzandi, degli operatori dei servizi sociali, della polizia e del settore dell’istruzione, con lo scopo di sistematizzare la prevenzione, l'individuazione, l'identificazione e la reazione alle esperienze infantili avverse.
2.2 Sviluppo di capacità degli operatori forensi specializzati nell’audizione dei minori vittime di violenza, con lo scopo di prevenire la ri-traumatizzazione delle vittime, assicurare un percorso terapeutico e l’aumento dell'incidenza dei procedimenti penali.
2.3 Sviluppo di capacità degli operatori specializzati e in tirocinio che offrono servizi terapeutici e trattamento dei minori vittime di violenza, con l’obiettivo di sistematizzare l’adeguata copertura nazionale dei servizi terapeutici per le vittime.
I progetti proposti devono prevedere una durata massima 24 mesi.

Per ulteriori informazioni consulta la scheda AdIM in allegato.
Questo sito utilizza cookies. Continuando a navigare si accetta il loro uso. Maggiori Informazioni