Facebook

Twitter

Gio12082022

Last updateGio, 01 Dic 2022 8pm

Prevenzione e lotta alla Violenza di Genere e contro i Minori

Ente Gestore; Commissione Europea – Direzione Generale Giustizia 

Scadenza

12 aprile 2022

Titolo Bando;
Bando per prevenire e combattere la violenza di genere e contro i bambini (CERV-2022-DAPHNE - CERV-PJG CERV
Descrizione; Questo bando del programma europeo Cittadini, Uguaglianza, Diritti e Valori intende sostenere progetti nazionali o transnazionali volte a prevenire e combattere tutte le forme di violenza di genere e nei confronti dei bambini.


 Programma; Citizens, Equality, Rights and Values (CERV) programme

Obiettivi; Il bando, suddiviso in 5 priorità intende sostenere progetti che:

priorità 1 - integrino la prevenzione delle varie forme di violenza di genere in diversi contesti, con un approccio sistemico;

priorità 2 - contrastino le pratiche pericolose contro donne e ragazze;

priorità 3 - prevengano la violenza di genere affrontandone le cause;

priorità 4 - sostengano e migliorino la raccolta di dati nazionali sulla violenza contro i bambini;

priorità 5 - rafforzino le risposte a tutela dei minori vittime di violenza potenziando i sistemi di protezione dell’infanzia a livello nazionale e locale. 

Attività Priorità 1 -
Progetti su larga scala per prevenire la violenza di genere, Progetti trasnazionali che prevedano differenti azioni che coprono aree quali:

Violenza domestica: incremento della consapevolezza e accesso ai servizi di supporto per le vittime e le potenziali vittime, rafforzamento di risposte alla violenza domestica (incluse quelle per i testimoni, attraverso attività di capacity building e collaborazioni multidisciplinari e il coordinamento tra gli attori chiave;

Pratiche dannose: lotta alla mutilazione genitale femminile e alla sterilizzazione forzata, ai matrimoni precoci, alla violenza riparatoria e altre forme di pratiche dannose per le donne e le ragazze;

Violenza online: lotta alle attività online di incitamento alla violenza, lotta allo stalking online, alla condivisione non consensuale di immagini, adescamento online, estorsioni attraverso l’uso di immagini sessuali, ecc.;

Violenza nel mondo del lavoro: lotta alla violenza e abuso fisico e psicologico, online e offline nei contesti di lavoro attraverso la prevenzione di comportamenti, lo sviluppo di meccanismi di

supporto alle vittime e di tutela, e di strumenti, guide, educazione e training;

Stereotipi di genere: prevenzione della violenza basata su stereotipi e pregiudizi legate alla mascolinità, alle attitudini e comportamenti che giustificano e minimizzano la violenza.

I progetti devono raggiungere un elevato numero di partecipanti e partecipanti di differenti aree geografiche dell’UE.

Priorità 2 – Violenza basata su pratiche dannose

Progetti che combattano e aumentino la consapevolezza e prevengano la violenza basata su pratiche dannose come la mutilazione, i matrimoni forzati, i crimini d’onore. Possono includere attività dir afforzamento dei servizi pubblici, misure di prevenzione e supporto, attività di capacity building per i professionisti e misure per garantire l’accesso alla giustizia per le vittime.

I progetti devono prevedere la partecipazione della comunità, campagne di sensibilizzazione e educazione.

Priorità 3 – Prevenzione delle cause primarie della violenza di genere

I progetti devono focalizzarsi sulla prevenzione primaria della violenza, in particolare sul cambiamento di norme e comportamenti per mettere fine a forme di intolleranza e violenza di genere. I progetti possono quindi prevedere campagne di sensibilizzazione, attività formative e training per affrontare i

pregiudizi e le norme che incoraggiano e minimizzano la violenza, e lo sviluppo di strumenti per uomini e donne, ragazze e ragazzi.

Priorità 4 – Supporto e miglioramento della raccolta dati sulla violenza nei confronti dei minori I progetti devono focalizzarsi sul rafforzare un sistema di raccolta dati a livello locale e nazionale che sia più sostenibile e comprensivo e sul creare una migliore comprensione del fenomeno. I progetti devono portare a cambiamenti che favoriscano la trasformazione della conoscenza sul fenomeno in azioni concrete. 

Il coinvolgimento di autorità locali e nazionali per la raccolta dei dati e le statistiche è incoraggiato.

Priorità 5 – Rafforzamento dei sistemi di protezione locali e nazionali per la prevenzione e supporto ai minori vittime di violenza 

I progetti devono favorire un’efficace risposta alle situazioni di violenza coordinando le azioni di tutti gli stakeholder e contribuire a cambiamenti sistemici. I progetti devono prevedere quindi la creazione di nuovi o il rafforzamento della qualità di servizi e meccanismi. Il coinvolgimento di autorità locali e nazionali è incoraggiato.

 
Per questa call è stato stanziato un budget di 30.500.000,00 di Euro, di cui:

12 milioni per la priorità 1;

6 milioni per la priorità 2;

7 milioni per la priorità 3;

3 milioni per la priorità 4;

2,5 milioni per la priorità 5.

Cofinanziamento 

La richiesta di finanziamento per i progetti presentati deve essere compresa:

Priorità 1: tra 1 e 2 milioni di Euro;

Priorità 2-3-4-5: 75.000,00 e 1 milione di Euro; 

Durata 

Priorità 1: 12-36 mesi;

Priorità 2-3: 12-24 mesi; 

Possono presentare il progetto: enti pubblici e organizzazioni non profit. Partner profit possono partecipare solo in qualità di partner.

I progetti della priorità 1 devono essere transnazionali e coinvolgere almeno 2 partner.

I progetti delle priorità 2-3-4-5 possono essere nazionali o transnazionali e coinvolgere almeno 2 partner.

Paesi coinvolti; Paesi membri dell’Unione Europea e partecipanti associati al programma

 Fonte Commissione Europea

Questo sito utilizza cookies. Continuando a navigare si accetta il loro uso. Maggiori Informazioni