Facebook

Twitter

Mer07062022

Last updateLun, 04 Lug 2022 1pm

Ripartono le agevolazioni del fondo Kyoto per scuole, ospedali e impianti sportivi pubblici

Ministero della Trasformazione Ecologica “MiTE
Cassa Depositi e Prestiti (soggetto gestore del Fondo), 
scade il  31 luglio 2022 ore 24,00

Con una dotazione finanziaria oltre 187 milioni di euro le risorse stanziate dal il Ministero della Trasformazione Ecologica “MiTE per questa nuova tranche di agevolazioni previste dal Fondo Kyoto, destinate all’efficientamento energetico ed al risparmio idrico degli edifici scolastici, delle strutture sanitarie e degli impianti sportivi di proprietà pubblica.La riapertura del Bando, che si era concluso il 20 dicembre 2021, è stata disposta con decreto direttoriale.
Con la pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale, è nuovamente possibile presentare le domande di ammissione ai prestiti.

Il Fondo, gestito con il supporto della Cassa Depositi e Prestiti, concede prestiti a tasso agevolato (0,25%) per il finanziamento di interventi che consentano un miglioramento del parametro di efficienza energetica dell’edificio di almeno due classi energetiche. Le modalità e i criteri di concessione dei finanziamenti sono disciplinati dal decreto interministeriale 11 febbraio 2021.La procedura di ammissione è effettuata secondo l’ordine cronologico di ricezione delle istanze, fino ad esaurimento dei fondi disponibili.L’articolo 1, comma 743 della legge 145/2018 (Legge di Bilancio 2019) ha esteso il campo di applicazione del Fondo Kyoto per l’efficientamento energetico degli edifici scolastici ed universitari (cd. Fondo Kyoto Scuole, di cui all’art. 9 del DL 91/2014), includendo tra gli edifici oggetto di agevolazione anche le strutture sanitarie e gli impianti sportivi di proprietà pubblica.

In attuazione di quanto previsto dal predetto comma 743, il MiTE e il Mef, di concerto con MiSE, Min. Istruzione e Min. Università e Ricerca, hanno emanato il decreto interministeriale 11 febbraio 2021, con il quale sono disciplinate le modalità di accesso al bando.In particolare:• Il Fondo concede finanziamenti a tasso agevolato ai soggetti pubblici proprietari degli immobili, per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico ed idrico• I prestiti hanno un tasso di interesse dello 0,25% e la durata massima del finanziamento è pari a 20 anni• Gli interventi devono garantire un miglioramento nel parametro di efficienza energetica dell’edificio di almeno 2 classi energetiche• Le risorse messe a disposizione ammontano a 200 milioni di euro e l’importo massimo che si può richiedere per singolo edificio è di 2 milioni di euroIl bando è stato riaperto con l’Avviso pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 marzo 2022. La nuova scadenza per la presentazione delle domande è fissata per le ore 24,00 del 31 luglio 2022 e la procedura di ammissione è effettuata secondo l’ordine cronologico di ricezione delle istanze, fino ad esaurimento dei fondi disponibili, pari ad euro 187.021.292,95.Per accedere alle agevolazioni è necessario compilare il modulo di ammissione attraverso il portale messo a disposizione dalla Cassa Depositi e Prestiti (soggetto gestore del Fondo),

Fonte il Ministero dello Sviluppo Economico
Questo sito utilizza cookies. Continuando a navigare si accetta il loro uso. Maggiori Informazioni